Le ferie sono sacre

(foto by fgrano)

Un breve racconto autobiografico su un tema tanto importante: le ferie.

Le ferie sono sacre

Primo agosto di qualche anno fa, inizio di un periodo di ferie programmato da tempo, da trascorrere al mare in Calabria con la famiglia.

Le fatiche del viaggio di circa 1200 chilometri, percorsi, di notte, in auto da Novara con poche interruzioni, furono cancellate quel mattino da un salutare bagno in mare. C’erano le premesse per una bella vacanza rilassante dopo tanto lavoro, ma a volte il destino gioca brutti scherzi, coinvolgendo tante persone in maniera diretta ed indiretta, originando situazioni paradossali.

Munito di berretto e t-shirt a disegno tropicale, tornavo, dopo il bagno, con passo lento verso la mia villetta, intento a fare una doccia in giardino prima del pranzo, ma non feci in tempo ad addentare la mela verde e rossa, che pendeva dall’albero sopra la mia testa, che mia moglie, mi avvisò di una telefonata appena giunta dall’ufficio. Sorpreso e un po’ irritato, richiamai subito. Era la segretaria del direttore che mi riferiva perentorie istruzioni superiori. Dovevo prendere il primo aereo e tornare subito a Novara in quanto era accaduto un fatto molto grave. Quella mattina il responsabile di una delle nostre filiali non si era presentato al lavoro, era scomparso, causando notevoli difficoltà gestionali. In qualità di sovraintendente, io dovevo collaborare con gli ispettori, che venivano apposta da Milano per far luce sull’accaduto.

Inferocito e sbigottito, cercai di telefonare alla segretaria del funzionario assente, ma invano. Era in ferie anche lei per una settimana e non aveva lasciato un recapito. Non mi restava che preparare un piccolo bagaglio e prenotare un volo per Milano per il mattino successivo.

Nei giorni seguenti il lavoro investigativo non portò al riscontro di irregolarità amministrative gravi, ammanchi di cassa o altro. Era tutto in ordine, ma il responsabile non si faceva vivo e nessuno aveva idea di cosa fosse accaduto. Solo mesi dopo si seppe di una crisi esistenziale che aveva portato il poveretto a cambiare vita e trasferirsi in Etiopia come volontario di una organizzazione umanitaria internazionale. L’azienda provvide perciò in breve a nominare un sostituto temporaneo.

Il fatto increscioso e fuori dal comune ebbe dei risvolti imprevedibili.

Per quanto mi riguarda, a parte la spiacevole interruzione delle ferie, trassi vantaggio dal disguido, poichè in quella occasione ebbi modo di conoscere dei funzionari altolocati della mia azienda, i quali poco tempo dopo si ricordarono di me e mi offrirono un incarico direttivo di prestigio.

L’altro avvenimento fu che ad aprile dell’anno successivo, nove mesi dopo, la segretaria di quella filiale (per intenderci quella che era assente per ferie al momento della scomparsa del titolare dell’ufficio), partorì una bambina. La donna conviveva con un compagno. Parve tutto regolare e nessuno fece caso ad un neo sul sopracciglio destro della neonata che, guarda la combinazione(!), aveva anche il funzionario scomparso, proprio allo stesso posto. Agli osservatori attenti rimase il dubbio di una fugace relazione clandestina tra i due. In questi casi qualcuno chiama in causa il destino, ma molto spesso il destino lo indirizziamo noi.

©Francesco Grano

18 giugno 2022

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.