Romantico e “caro” caminetto

caminetto

Parliamo di caminetti a legna.

Tra poco inizieranno le stagioni fredde, avremo la sorpresa di un prezzo del gas metano molto più alto del passato, avremo restrizioni sui periodi di riscaldamento consentiti, sui gradi di calore massimi, ecc, per cui chi ha la possibilità di utilizzare il caminetto, a legna o pellets, cercherà di limitare l’uso delle caldaie a gas  integrandole con la legna. Ma bruciare i tronchetti è inquinante, a meno che i caminetti non siano quelli di ultima generazione, che ovviamente hanno un costo elevato, per cui chi possiede il vecchio impianto tradizionale sarà costretto ad usarlo solo come elemento decorativo.

 Il paradosso è che, a livello nazionale, si parla di riapertura delle centrali elettriche a carbone, con tutto il consistente inquinamento che ne deriverebbe, ma non si fa nulla per agevolare l’uso del caminetto domestico già posseduto, che avrebbe un impatto ambientale minimo. E che dire dei tanti camion, bus e vecchi veicoli, che circolano tranquillamente per le nostre strade rendendo l’aria irrespirabile? Dovremmo vietarli tutti!

La regione Lombardia prevede addirittura multe di € 5000 per i contravventori, così come altre regioni del nord che hanno imposto divieti simili.  Spero che il buonsenso prevalga e che, specie in questo momento, la materia venga rivista e venga concessa qualche deroga, per esempio la possibilità di utilizzare il camino solo nei mesi più freddi e nelle ore con minore soleggiamento.

Luce sinistra in hospice – recensione

copertina

Mi è giunta una gradita recensione: eccola

Luce sinistra in hospice, Francesco Grano, Giovane Holden. A Santa Marta il decesso, nel reparto hospice dell’ospedale locale, di un’anziana donna, malata terminale, viene subito catalogato come morte naturale: tuttavia una onlus che, improvvisamente, vede sfumare un grosso lascito testamentario a suo favore, presenta una denuncia e induce i carabinieri ad aprire un fascicolo di morte sospetta. E… Ricco di livelli di lettura, chiavi d’interpretazione, spunti di riflessione, brillante, coinvolgente e ad altissima tensione.

“Luce sinistra in hospice”

Ho appena ricevuto una autorevole e bella recensione, eccola:

CONVENZIONALILASCIA UN COMMENTO

di Gabriele Ottaviani

Luce sinistra in hospice, Francesco Grano, Giovane Holden. A Santa Marta il decesso, nel reparto hospice dell’ospedale locale, di un’anziana donna, malata terminale, viene subito catalogato come morte naturale: tuttavia una onlus che, improvvisamente, vede sfumare un grosso lascito testamentario a suo favore, presenta una denuncia e induce i carabinieri ad aprire un fascicolo di morte sospetta. E… Ricco di livelli di lettura, chiavi d’interpretazione, spunti di riflessione, brillante, coinvolgente e ad altissima tensione.

Convenzionali

di Gabriele Ottaviani

Luce sinistra in hospice, Francesco Grano, Giovane Holden. A Santa Marta il decesso, nel reparto hospice dell’ospedale locale, di un’anziana donna, malata terminale, viene subito catalogato come morte naturale: tuttavia una onlus che, improvvisamente, vede sfumare un grosso lascito testamentario a suo favore, presenta una denuncia e induce i carabinieri ad aprire un fascicolo di morte sospetta. E… Ricco di livelli di lettura, chiavi d’interpretazione, spunti di riflessione, brillante, coinvolgente e ad altissima tensione.

View original post

Giuditta – una ragazza casual

Romanzo fantasy rosa che ho pubblicato l’anno scorso. Oggi voglio parlarvi della protagonista. Ma chi è Giuditta? È una ragazza di 28 anni, diplomata scenografa che vive a Novara con i genitori. In attesa di trovare un posto di lavoro adeguato agli studi compiuti, lavora come consulente immobiliare in un’agenzia della sua città. Ma un giorno un’amica la mette in contatto con il responsabile pubbliche relazioni di un noto hotel sul lago, dove si organizzano convegni medici, economici, industriali, che le offre di lavorare nei fine settimana presso di loro come hostess, segretaria e interprete. Lei accetta e inizia a vivere una esperienza ricca di emozioni ma anche di insidie pericolose. È caduta nella trappola dell’ingenuità, del facile guadagno, delle luci della notorietà. Riuscirà a trovare una via d’uscita, come la Giuditta biblica?

Il libro è reperibile sul sito www.youcanprint.it, oppure Amazon o altri stores online. Chi desidera un esemplare con il firmacopia mi contatti in privato e glielo farò avere senza spese aggiunte.

VOTO per corrispondenza – aggiornamento

Ringrazio tutti quelli che hanno già firmato la petizione. L’argomento è sempre più interessante per i seguenti motivi:

  1. L’introduzione del voto per corrispondenza consente un notevole risparmio di energie. Il cittadino può esercitare il diritto di voto standosene a casa, senza recarsi obbligatoriamente presso il seggio elettorale. Ne consegue un minore lavoro amministrativo per gli addetti ai singoli seggi, un minore consumo di energie (luce, gas, ecc).
  2. Il sistema permette ai cittadini che non hanno la possibilità di votare con il sistema tradizionale di esprimere ugualmente la propria volontà, facendo così recuperare una fetta consistente di voti che altrimenti andrebbe persa;
  3. L’attuale contesto sanitario ci induce alla massima prudenza nei contatti sociali. L’innovazione che propongo permette di evitare pericolosi assembramenti a tutela della salute pubblica.
  4. La procedura è già nota a diversi paesi ad elevata cultura (Svizzera, Francia, Germania ed USA, per esempio) ampiamente sperimentata ed efficiente, per cui possiamo usufruire dell’esperienza positiva di chi ci ha preceduto.

Per questi motivi continuo a proporre la condivisione della petizione che ho lanciato: Se sei d’accordo FIRMA e CONDIVIDI anche TU! Grazie. Clicca sul link:

https://chng.it/PWFT6jSM

Petizione per votare per corrispondenza

urna elettorale

https://chng.it/PWFT6jSM

Oggi tramite l’Organizzazione Change.org ho lanciato questa petizione per sollecitare una legge che consenta di partecipare alle votazioni elettorali anche tramite il voto per corrispondenza. Sarebbe un piccolo passo verso la modernizzazione ed i bisogni di tanta gente che non si può recare al seggio elettorale.

Firma anche tu!

L’attuale legge elettorale italiana consente di esprimere il proprio voto solo recandosi nel seggio di residenza e, solo per i residenti all’estero, è consentito il voto per posta.

In attesa che venga istituito un perfetto e sicuro sistema di voto elettronico PROPONGO

di consentire il voto di corrispondenza a tutti gli italiani residenti, aventi diritto, come avviene in Svizzera.

Il Comune dovrebbe inviare la scheda elettorale al domicilio di ognuno con un breve promemoria e la busta di ritorno della scheda compilata.

E’ una procedura che consentirebbe di recuperare i voti dei cittadini che, fuori sede per motivi di lavoro, studio, o altro, non riescono a votare, specie quando i seggi sono aperti un unico giorno.

L’obiettivo sarebbe quindi di raccogliere una percentuale di voti che attualmente va dispersa, nonchè di limitare l’accesso e l’assembramento degli elettori  presso i seggi elettorali.

Recensione

Pubblicato su Amazon

Cinque racconti fantastici più uno – di Umberto Cavallini

La recensione di oggi ha per oggetto un libro fantastico, una serie di racconti che contengono mistero, esoterismo, sogno, realtà, il tutto mescolato con grande bravura, nel dipanarsi di sei storie avvincenti. Quando si è finito di leggere un racconto viene da chiedersi: e allora? E’ finito così o c’è un seguito? Il sogno è svanito? Oppure è la realtà, troppo nuda e cruda, che non si vorrebbe accettare?

La cortina impenetrabile ed opaca tra mondo reale e mondo parallelo, a volte presenta piccole crepe, attraverso le quali filtra la luce di un altro universo popolato da persone semplici e amorevoli. Sogno o realtà il confine è molto labile. Le trame risultano piacevoli, scorrevoli, si seguono con interesse. Alcune di essere potrebbero essere sviluppate per dare vita ad opere noir di maggiore ampiezza. Ne consiglio la lettura.

Il libro è reperibile su Amazon

Gruppo Pianeta Books

gruppo letterario

Da oggi inizia la mia collaborazione su Facebook al “Gruppo Pianeta Books Presentiamo il tuo libro” come moderatore. E’ un gruppo letterario giovane e dinamico, con tante belle idee in cantiere e tanta voglia di cultura.

Gli autori possono presentare le loro opere senza limitazioni, salvo quelle previste dal regolamento, possono fare spam ogni giorno.

Invito gli amici che mi seguono a chiedere l’iscrizione al gruppo. Non costa niente e permette aggiornamenti gratuiti.

Recensione

Vi parlo oggi di due romanzi scritti e da poco pubblicati dalla Dottoressa Maria Eugenia Veneri. Si tratta di:

Sabbia nera e candide mani e del suo sequel Giro di vite, LuoghInteriori Edizioni.

Due storie molto diverse tra loro, con la stessa protagonista Emma Fremont, giovane donna tenace, caparbia, motivata da ideali di fratellanza e giustizia.

In “Sabbia nera e candide mani”, Emma Fremont è una giovane operatrice umanitaria dell’Onu in missione in un Paese africano immaginario, Nibadu, ma non inverosimile; è impegnata in una storia di fantapolitica che ruota attorno un problema più reale che mai: il Coltan. Per cui, finalmente, è iniziata da poco una prima campagna di Amnesty International. 

In “Giro di vite”, la stessa protagonista è impegnata a contrastare il traffico di organi e la tratta di esseri umani in un Paese di fantasia latino americano, Saoparel.

Dice l’autrice: “Ogni parola è una finestra che si spalanca, da ogni parola si può guardare dentro o guardare fuori. Ecco io credo che le parole aprano le cose e portino all’agire.
Emma è lo strumento che ho per affrontare temi che mi sono tanto cari. Le metto sulla strada ciò che di irrisolto mi circonda e su cui non smetto di interrogarmi.”

I temi trattati sono molto attuali ed interessanti, per cui ritengo che valga la pena di approfondirne la conoscenza e riflettere sui messaggi reconditi che ci vengono trasmessi dalla brava scrittrice.

Salone Internazionale del Libro Torino

Stand N23 pad 3 gruppo “Inizio a scrivere”

Lavoro, impegno, volontà, caparbietà, amarezze, costi ma alla fine ecco noi 14 temerari scrittori emergenti del gruppo “Inizio a scrivere” con la soddisfazione di vedere i nostri libri sugli scaffali del padiglione 3 stand N23 del Salone Internazionale del libro che domani aprirà i battenti a Torino. A tutti i colleghi di cordata: Lidia Simonetti, J.C. Casalini, Stefano Moretto, Lorena Demurtas, Sabina Moretti, Natalia Foffi, Laura Rizzoglio, Marina Angelini, Dario Ruggeri, Enrico Finazzer, Antonio De Gennaro, Alessia Oliveri, Angela Gallo, un grande Grazie, un abbraccio virtuale ed un poderoso “in bocca al lupo”.  Aspettiamo tanti visitatori: lettori, blogger, editori, specialisti del settore editoria, curiosi, disposti a scambiare qualche opinione guardandoci negli occhi. Venite a trovarci!