Festa dei nonni

fiabe per bimbi e genitori

Domenica 2 ottobre sarà la festa dei nonni. E loro? Come risponderanno ai nipotini? Suggerisco di regalare FIABELLE, un bel libro di fiabe riccamente illustrato, con copertina morbida, composto da dodici nuove storie, 76 pagine, da me scritte per i piccoli ed i genitori. (Una delle fiabe è stata premiata a Lucca in un concorso letterario).

Lo potete ordinare sul sito youcanprint.it https://www.youcanprint.it/fiabelle/b/a4eb6c49-b3ad-56d1-8f01-b0350295de15 , oppure su Amazon o altri stores online.

Benvenuto Marco

Cicogne – Photo by De Lemster Krant on Pexels.com

Marco mi ha preso alla sprovvista. Il mio quarto nipotino, nato stamattina in anticipo di qualche giorno sul previsto, mi ha fatto la gradita sorpresa e, all’ora del caffè, mi è giunta la notizia del suo arrivo. La mia reazione è stata euforica come quella per la nascita degli altri nipoti ma, questa volta, più composta. Colpa dell’età che avanza e che mi ha assuefatto a questi avvenimenti, pur, senza dubbio, assai importanti e di notevole valore.

Ritengo infatti che la vita è molto bella perché è viva e dà vita. La vita è essenziale! Tutto il resto, immagine di mondanità, potere, successo, ricchezza, senso di appartenenza, assume un valore secondario.

 Per questo ammiro moltissimo l’immagine del seminatore. Egli svolge uno dei lavori più belli del mondo. Quando è il momento giusto il seminatore, che ha già preparato il terreno, procede alla semina. La sua intenzione è quella di avviare un processo di trasformazione.  Nel momento in cui interra il seme inizia a sognare. Affida a quel piccolo essere un grande destino. Dopo poco tempo si saprà se il seme avrà attecchito e messo radici oppure no. Se la risposta sarà affermativa comincerà il viaggio, il progetto prenderà corpo, si svilupperà, sino alla fine quando quel piccolo seme avrà generato una pianta capace di dare frutto abbondante.

 Il coltivatore progetta, lavora, sogna e realizza. Non può desiderare di meglio.

Ed ancora un’altra considerazione. La nostra esistenza è simile ad una meteora: nasce da un angolo del cielo, percorre un arco di grandezza variabile a lucentezza prima crescente, poi decrescente, sino a cessare del tutto all’angolo opposto della volta celeste.  Chi la osserva può nutrire tanti sentimenti: indifferenza, ammirazione, amore, odio, invidia, ma dopo che è passata ben pochi che l’hanno vista la ricorderanno.

La vita è una meteora! Se non facciamo qualcosa per essere ricordati, per continuare a vivere nella memoria di chi resta, siamo destinati velocemente all’oblio.

Benvenuto Marco ed auguri di lunga prosperità!

20gennaio2022